Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Cassetta entomologica
Mais (Zea mays) EmptyVen Mar 08, 2019 4:41 pm Da nunzia

» Vendo cassetta entomologica
Mais (Zea mays) EmptyGio Giu 28, 2018 11:04 am Da Alberto.D

» Coltivazione in verticale
Mais (Zea mays) EmptyDom Mag 20, 2018 7:58 am Da arielcasa

» Diradamento chimico mele
Mais (Zea mays) EmptyDom Mag 20, 2018 7:57 am Da luana

» L'innesto erbaceo della vite
Mais (Zea mays) EmptyLun Apr 30, 2018 10:40 am Da agronomo

» marze piante da frutto
Mais (Zea mays) EmptyDom Mar 11, 2018 11:07 am Da Filippo

» innesti, conservazione delle marze
Mais (Zea mays) EmptyDom Mar 11, 2018 11:05 am Da Filippo

» Innesto melo
Mais (Zea mays) EmptyDom Mar 11, 2018 11:03 am Da Filippo

» primo contatto
Mais (Zea mays) EmptyMer Apr 26, 2017 11:17 am Da agronomo

» Semi di trifoglio
Mais (Zea mays) EmptyMar Apr 04, 2017 10:42 am Da Antonella

» Melo portinnesti Geneva 11
Mais (Zea mays) EmptyMar Apr 04, 2017 10:40 am Da Antonella

» galline non fanno uova
Mais (Zea mays) EmptyDom Set 11, 2016 9:38 am Da Signor Pepperpot

» Bonus Occupazione
Mais (Zea mays) EmptySab Set 10, 2016 12:03 pm Da gioacchino

» UOVA FERTILI DI FARAONA GRIGIA
Mais (Zea mays) EmptyGio Ago 11, 2016 11:24 am Da anna1

» Corso patentino fitofarmaci
Mais (Zea mays) EmptyVen Lug 29, 2016 3:13 pm Da agronomo

» Sono nuovo qui
Mais (Zea mays) EmptySab Lug 23, 2016 9:23 am Da tuttoagraria

» Sequoia Gigante
Mais (Zea mays) EmptyMar Lug 19, 2016 7:45 pm Da mastrosimone

» [INFORMAZIONI]: Licuala cordata
Mais (Zea mays) EmptyGio Lug 14, 2016 1:03 pm Da Agricoltore Toscano

» Foto alveare
Mais (Zea mays) EmptyGio Lug 14, 2016 1:00 pm Da Agricoltore Toscano

» ape
Mais (Zea mays) EmptyGio Lug 14, 2016 12:59 pm Da Agricoltore Toscano

Aprile 2019
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930     

Calendario Calendario

Tuttoagraria

Tuttoagraria

TuttoAgraria
PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE l'amministratore di TuttoAgraria
Giovan Vito Blonda
tuttoagrariablog@hotmail.com
LA LUNA OGGI
Sito di qualità
I postatori più attivi del mese

Sondaggio

Per poter poter portare i trattori ci vuole il patentino chi di voi è d'accordo?

Mais (Zea mays) Vote_lcap250%Mais (Zea mays) Vote_rcap2 50% [ 53 ]
Mais (Zea mays) Vote_lcap250%Mais (Zea mays) Vote_rcap2 50% [ 54 ]

Voti totali : 107

Parole chiave

forbici  pero  potatura  forum  disinfezione  malattie  


InsectShop

Realizzo e vendo Cassette entomologiche
con tutti gli ordini da voi richiesti.


insect_shop@hotmail.com

Blog:

Cellulare: 3489188759



Mais (Zea mays)

Andare in basso

Mais (Zea mays) Empty Mais (Zea mays)

Messaggio Da tiziano77 il Lun Nov 22, 2010 6:10 pm

Il mais (Zea mays L.) è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Poaceae, tribù delle Maydeae. È uno dei più importanti cereali largamente coltivato sia nelle regioni tropicali sia in quelle temperate, in quest'ultimo caso a ciclo autunno-primaverile.
Il mais rappresenta la base alimentare tradizionale nelle popolazioni dell'America latina e, localmente, in alcune regioni dell'Europa e del Nordamerica. Nelle regioni temperate è principalmente destinato all'alimentazione degli animali domestici, sotto forma di granella, farine o altri mangimi, oppure come insilato, generalmente raccolto alla maturazione cerosa. È inoltre destinato a trasformazioni industriali per l'estrazione di amido e olio oppure alla fermentazione, allo scopo di produrre per distillazione bevande alcoliche o bioetanolo a scopi energetici.
L'infiorescenza femminile, che porta le cariossidi, si chiama correttamente spiga ma viene più spesso impropriamente chiamata "pannocchia", mentre la pannocchia propriamente detta è l'infiorescenza maschile posta sulla cima del fusto (stocco) della pianta, che di contro viene talvolta chiamata impropriamente "spiga" per il suo aspetto.
Le cariossidi sono fissate al tutolo ed il tutolo è fissato alla pianta.

Etimologia


Per riferirsi al mais in lingua italiana si utilizzano diversi sinonimi, come frumentone, formentone, formentazzo, granone, grano siciliano, grano d'India, granoturco, melica, meliga e pollanca, alcuni derivati da dialetti locali o lingue minoritarie.
Il suo nome ha origine araucana (maiz), e la pianta proviene dall'America centro-meridionale dove rappresentava l'ingrediente base della cucina azteca. Il termine "granoturco", invece, è un classico falso amico, derivante dalla traduzione maccheronica della definizione inglese "wheat of turkey", propriamente traducibile in "grano dei tacchini".
Storia


La storia del mais è stata a lungo controversa. Darwin ne sostenne la probabile origine sudamericana, ma la beffa degli scavatori ai danni di un archeologo impegnato tra le piramidi egiziane, cui fu "fatto scoprire" un pugno di semi in un sarcofago, accreditò l'origine africana, sostenuta da Matteo Bonafous e duramente ribattuta da De Candolle.
Tutte le indagini successive militavano peraltro per l'origine mesoamericana, che venne definitivamente stabilita da MacNeish tra gli anni sessanta e gli anni settanta del Novecento. L'archeologo statunitense individuò la culla della coltura nella grande valle messicana di Tehuacàn, nella regione di Oaxaca, dove esiste una pluralità di grandi insediamenti precolombiani. Restava da risolvere il problema dei mais peruviani, che mostrano una collezione di tipi significativamente diversi da quelli messicani. Il problema è stato risolto supponendo una precocissima migrazione di semi dal Messico al Perù, e con l'interruzione di comunicazioni successive, causa dell'indipendenza dei cataloghi delle varietà messicane e peruviane.
In Italia la coltura è già fiorente a metà del Cinquecento, dove soppianta rapidamente miglio e panico divenendo la base dell'alimentazione dei contadini padani. L'esclusiva dieta a base di mais diverrà la causa del tragico dilagare, fino al termine dell'Ottocento, della più terribile malattia endemica delle campagne italiane, la pellagra.
Usi


Alimentazione umana


Il mais è utilizzato in alimentazione sia come alimento come tale sia come ingrediente.
I chicchi ancora sulla spiga vengono consumati lessati o alla griglia. I chicchi sgranati e lessati possono essere serviti in insalata o come contorno.
I chicchi fioccati, ovvero cotti a vapore poi schiacciati attraverso una pressa a rulli ed essiccati, si consumano, all'uso anglosassone, inzuppati nel latte solitamente per la prima colazione e vengono detti corn flakes. Quando sono invece soltanto tostati i chicchi "scoppiano" dando luogo ad una pallina leggera, bianca e croccante di forma irregolare, il pop corn.Dal germe si ottiene un olio che può essere usato come condimento a crudo, mentre, a differenza di altri oli di semi come quello di girasole, non è adatto per friggere.

La farina di mais[è utilizzata nella preparazione di diversi piatti (tra i quali il più noto è la polenta), alcuni tipi di pane e alcuni dolci. Si distingue in farina bramata, a grana grossa, per ottenere polente particolarmente saporite e gustose, fioretto di farina per polente pasticciate, morbide e delicate, fumetto di mais, per una farina finissima adatta alla produzione di dolci e biscotti. Tra i più noti in Italia troviamo le paste di meliga.
Dal mais inoltre si estrae l'amido, che viene poi usato per altre preparazioni alimentari.
Il mais è usato anche nella fabbricazione di liquori e bevande, particolarmente in
America Meridionale, dove si consumano abbondantemente la chicha e la chicha morada, e negli Stati Uniti, dove si produce il Bourbon.
Alimentazione animale


Per la sua alta produttività, il valore nutritivo elevato, (benché sostanzialmente energetico), la coltivazione "facile" e completamente meccanizzabile, la possibilità di raccolta in diverse forme che permettono di superare avversità climatiche di fine stagione, il Mais costituisce la base dell'alimentazione di molte specie animali.
In particolare per i bovini può essere utilizzato in diversi modi: - insilato di mais allo stato ceroso (silomais); - pastone insilato di granella e tutoli; - insilato di granella umida; - granella secca.
A titolo di esempio, la razione dei vitelloni da carne può essere costituita da mais nelle suddette forme per percentuali anche largamente superiori ai due terzi della sostanza secca totale.
Il mais vitreo è invece particolarmente apprezzato per l'allevamento avicolo.
Produzione di Energia


Il mais viene utilizzato per la produzione di energia in diversi modi. E' impiegato per la produzione di etanolo tramite la naturale fermentazione. L'etanolo prodotto, pur commestibile, viene utilizzato per la produzione di biocarburanti.
Il mais è un combustibile molto apprezzato con un potere calorifero inferiore molto elevato, pari a 15,88 MJ/kg (con umidità del macinato all’11%).
Il mais può essere utilizzato direttamente e senza alcun trattamento per il riscaldamento domestico in stufe appositamente predisposte. Alcune stufe a pellet utilizzano una miscela con il 30% di pellet di legno e il restante 70% in grani di mais. La combustione del mais per la produzione di calore è particolarmente indicata quando la cultura è affetta da micotossine che ne rendono non più commestibile la produzione.
Usi terapeutici

Gli stimmi di questa pianta, assumibili grazie alle tisane producono un effetto diuretico e sono consigliati nella calcolosi e nelle cistiti.
L'olio di mais applicato alla pelle con un leggero massaggio, la rende più morbida ed elastica.
Materie plastiche biodegradabili


L'amido di mais viene usato per produrre materie plastiche biodegradabili come il Mater-Bi, della Novamont, per confezionare ad esempio i sacchetti per la raccolta dei rifiuti urbani biodegradabili (umido). Questi sacchetti si decompongono e ritornano alla natura attraverso il processo di compostaggio.
Le tossine da funghi


La comunità europea ha adottato il Reg.to 1126/2007 che prevede un limite di presenza nel mais delle fumonisine, una tossina prodotta dai funghi parassiti del mais. A partire dall'ottobre 2007 è fissato un limite di 4.000 parti per miliardo nel mais destinato al consumo alimentare umano. Le fumonisine sono indicate in molti ambienti scientifici come molto pericolose per il rischio oncogeno.
Su iniziativa dei parlamentari Verdi, la XIII Commissione della Camera dei deputati (Agricoltura) ha adottato una risoluzione con cui chiede alle autorità europee una proroga in quanto, a loro dire "non esistono metodi di sicura efficacia per contenere queste tossine" e che "oltre il 50% del prodotto nazionale supera il limite di tossicità". Su tale affermazione si sono registrate divisioni, in quanto la comunità scientifica vede una soluzione nel mais geneticamente modificato, di cui sono già disponibili varietà resistenti ai funghi, ma tali varietà sono molto avversate proprio dagli stessi Verdi e da altri diffusi gruppi di opinione.


Ibridi e cultivar


Esistono varie classificazioni delle varietà di mais. La più importante dal punto di vista mercantile è quella basata sulla consistenza del grano, ossia dalla sua composizione in amidi e in zuccheri, proposta da E. Lewis Sturtevant. [5]. Essa comprende le seguenti sezioni, compresa Ceratina aggiunta da Kuleshov: Everta (pericarpo traslucido ed endosperma quasi tutto vitreo, da scoppio: popcorn), Tunicata (grani ricoperti da glume: podcorn), Indurada (pericarpo traslucido ed endosperma farinoso al centro e vitreo esternamente, cristallino: flintcorn), Amylacea (pericarpo opaco ed endosperma farinoso: softcorn), Indentata (pericarpo traslucido ed apice coronato, dentato: dentcorn), Saccharata (grani rugosi e zuccherini, dolce: sweetcorn), Amylosaccharata (grani lisci e zuccherini, dolce: sweetcorn), Ceratina (pericarpo opaco ed endosperma in parte ceroso: waxycorn).
Varietà di mais in Italia


L'introduzione del mais in Italia, in base agli studi di Luigi Messedaglia sulla base di documentazione d'archivio e agronomica, è risultata nella sostitituzione del panico e del miglio, utilizzati da secoli per preparare una polenta, nella dieta popolare. In seguito Aureliano Brandolini ha classificato le varietà tradizionali italiane in base alla loro origine, per mezzo dell'analisi multivariata dei caratteri agronomici, morfologici e citologici, eseguita in collaborazione con A.G. Brandolini, come segue


  • 1. Sezione Indurata e Indentata (9 complessi razziali, 35 Razze e 65 agro-ecotipi)




    • A. Ottofile vitrei e derivati (Eight-rowed flints and derived races): 6 razze e 10 agro-ecotipi
    • a. Ottofile puri

      • 1. Ottofile
      • 2. Tajolone
      • 3. Ottofile tardivo

    • b. Razze derivate

      • 4. Derivati 12-14 file
      • 5. Cannellino
      • 6. Monachello








    • B. Conici vitrei e derivati (Conical flints and derived races): 5 razze e 15 agro-ecotipi

      • 7. Barbina
      • 8. Poliranghi
      • 9. Montano
      • 10. Biancone
      • 11. Ostesa








    • C. Cilindrici meridionali tardivi (Late Southern cylindrical flints): 3 razze e 4 agro-ecotipi

      • 12. Montoro
      • 13. Rodindia
      • 14. Pannaro








    • D. Cilindrici vitrei meridionali di ciclo medio (Midseason Southern cylindrical flints): 3 razze e 6 agro-ecotipi

      • 15. Trentinella
      • 16. Dindico
      • 17. Altosiculo








    • E. Nani precocissimi vitrei (Extra-early dwarf flints): 4 razze e 6 agro-ecotipi

      • 18. Poliota
      • 19. Trenodi
      • 20. Agostinello
      • 21. Tirolese








    • F. Microsperma vitrei (Microsperma flints): 4 razze e 8 agro-ecotipi
    • a. Appenniniche

      • 22. Zeppetello

    • b. Subalpine

      • 23. Cinquantino Marano
      • 24. Quarantino estivo
      • 25 Cadore








    • G. Padani (Padanians): 4 razze e 7 agro-ecotipi
    • a. Poliranghi

      • 26. Pignolo
      • 27. Rostrato-Scagliolo
      • 28. Bani-Scaiola

    • b. Longispiga

      • 29. Agostano








    • H. Bianco perla (Pearl white flints): 3 razze e 4 agro-ecotipi

      • 30. Bianco Perla
      • 31. Righetta bianco
      • 32. Cimalunga








    • I. Dentati bianchi e gialli (Dent corn): 2 razze e 5 agro-ecotipi

      • 33. Dentati bianchi antichi
      • 34. Dentati moderni






  • 2. Sezione Everta

    • J. Mais da scoppio (Pop corn): 3 razze e 12 agro-ecotipi

      • 35. Perla prolifico
      • 36. Risiforme precoce
      • 37. Bianco tardivo cremonese





A titolo d'esempio si riporta la descrizione di alcune varietà tradizionali tuttora coltivate:

  • Mais Marano: varietà precoce, chicco vitreo tendente al rosso, dal sapore caratteristico (Provincia di Vicenza)
  • Mais Rostrato: la pianta supera i 2 metri di altezza. Le spighe, lunghe cm 16-18, sono spesso due per pianta. I granelli sono allineati su 12-14 file intorno al tutolo bianco. Questa varietà predilige i terreni di fondovalle. La semina avviene a fine marzo/inizio aprile, in file distanziate cm 75, e con semi situati a cm 20-25 l'uno dall'altro. Si semina in marzo-aprile e si raccoglie in settembre. La produzione varia tra le 4 e le 5 tonnellate all'ettaro, ossia metà di quella dei migliori ibridi a granella vitrea, come il plata. La farina ottenuta macinando i granelli di mais rostrato è utilizzata per preparare la polenta, i biscotti e il pane. Coltivato in diverse regioni. Nelle valli della provincia di Bergamo è conosciuto con il nome rampí o rostrato rosso di Rovetta.
  • Mais Sponcio: varietà iscritta nel Registro Nazionale dei Prodotti Tradizionali, chicco fortemente vitreo, colore arancio intenso, forma a punta (rostro), usato per la preparazione della polenta alto-veneta. (Comune di Cesiomaggiore)
  • Mais a Otto File di Antignano: varietà autoctona del territorio delle Colline Alfieri provincia di Asti, caratteristica di avere otto file di chicchi, colore rosso intenso, chicco molto vitreo, particolarità organolettiche uniche grazie alla vicinanza del fiume Tanaro, oggi tutelato dalla Cooperativa di Antignano. Il Mais Otto file di Antignano® è detto “melia du Re" perché particolarmente apprezzato dal Re Vittorio Emanuele II (varietà pregiata di mais coltivata solo sulle nostre colline). I prodotti che ne derivano sono utilizzati per produrre, dagli artigiani pastai e pasticcari: pasta, grissini, torte e le Paste di Meliga. Viene usato principalmente per produrre farina per polenta rigorosamente macinata a pietra, ma ultimamente usato anche per la produzione di pasta all'uovo, grissini e le paste di Meliga.

Da decenni, la scelta varietale nella produzione sia di mais da granella sia di trinciato da insilare è quasi totalmente orientata verso l'impiego degli ibridi commerciali, in grado di fornire, grazie all'eterosi, rese produttive più elevate rispetto alle tradizionali cultivar. La classificazione degli ibridi di mais si basa fondamentalmente sulla precocità di maturazione della granella. In generale si impiegano ibridi di classe alta per la semina primaverile, destinati alla produzione di granella, e ibridi di classe media o bassa per la semina in secondo raccolto, destinati soprattutto alla produzione di insilati.

Avversità


Gli insetti maggiormente dannosi al mais sono la Piralide (Ostrinia nubilalis) e la Diabrotica (Diabrotica virgifera virgifera); nell'Italia meridionale alla Piralide tendono a sostituirsi le nottue, in particolare Sesamia cretica, Sesamia nonagroides e Agrotis segetum. Le malattie da funghi più importanti sono il marciume del fusto causato da Gibberella zeae, la fusariosi causata da Fusarium moniliforme e il carbone, causato da Ustilago maydis.









tiziano77
Membro
Membro

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 22.11.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Mais (Zea mays) Empty Re: Mais (Zea mays)

Messaggio Da AgroNava il Dom Giu 05, 2011 7:38 pm

Qualcuno di voi ha piantato mais??
Io quest'anno ho seminato un ibrido della Pioneer denominato Pr33M15, con grande resistenza agli stress idrici e alla piralide. Ho usato un concime in presemina con titolo 12-5-20 e nella rincalzatura urea 46% a lento rilascio. Devo dire che al momento sono molto soddisfatto.
Voi invece?
AgroNava
AgroNava
Collaboratore
Collaboratore

Messaggi : 143
Data d'iscrizione : 27.04.11
Età : 24
Località : Roncello (MB)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Mais (Zea mays) Empty Re: Mais (Zea mays)

Messaggio Da mariano il Mer Dic 14, 2011 4:42 pm

Io semino l'otto file, e un'altra varietà rustica chiamato... Nostrato della Pieve ( da Pieve Fosciana ) dove è sempre stato seminato.
Sono varietà poco produttive ma richiedono scarsa irrigazione e sono poco soggette a malattie.
mariano
mariano
Membro attivo
Membro attivo

Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 23.12.10
Età : 61
Località : Garfagnana

Visualizza il profilo http://www.terraevita.forumfree.it

Torna in alto Andare in basso

Mais (Zea mays) Empty Re: Mais (Zea mays)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum